INTERIORE – Progetto MOB

Cosa:

Evento Mutlimediale:
Performance Live,
Acustica Live,
Electronci Live,
Mostra Fotografica,
Video installazione.

Dove:
Spazio Menomale
Via de’ Pepoli 1/A
Bologna

Quando:
Sabato 9 Marzo
Ore 21.00

All’interno del Progetto MOB – Molecole Bolognesi,  serata multimediale su diversi stili/tecniche, legata al tema dell’ interiore.

VUOTO INTERIORE: Performance di e con Anna Schimtz, a cura di Jurta Produzioni.
Pillole performative con riferimenti al cinema dell’horror (Paranormal Activity, REC, The Ring etc)

INTERIORS: “Interiors” è un viaggio che unisce elettronico e analogico e cavalca il ritmo senza mai abusarne. Approfittando delle suggestioni suggerite dalle immagini dei super8 sperimentali di Derek Jarman, Valerio Corzani (basso semiacustico, basso tinozza e laptop) ed Erica Scherl (violino e looper) mettono in moto un tracciato pieno di fibrillazioni e sorprese.
Groove ossessivi stemperati dal violino di Erica Scherl (Alboreo, Gohatto, Violongeria), corde acide arrotondate dai bassi profondi di Valerio Corzani (Mau Mau, Mazapegul, Gli Ex, Corzani Airlines) in un continuo scambio di ruoli che non perde mai d’occhio il sostegno percussivo e la balance ritmica. Arredamenti per ambienti sonori che fluttuano e si trasformano. Un viaggio musicale che si presenta davvero onirico e “stupefacente”.

NEXUS INTER ANIMAE: dove il collegamento interiore delle anime, la solitudine e l’isolamento sono scelte… Secondo un principio tantrico in tutto ciò che ci circonda ogni giorno vi sono meccanismi e principi che funzionano sia a livello micro, ovvero nel proprio sistema di riferimento, che a livello macro, ovvero nell’universo ed in altri sistemi. Così, partendo da oggetti di uso comune anche contestualizzati e non spogliati della loro funzione originale, si può scoprire principi più profondi, fuori e dentro noi.
Fotografia di Alessandro Scotti, Live Electronics e Sound Design di Vincenzo Scorza.
Vincenzo Scorza: Quando Alessandro Scotti mi propose un collaborazione artistica per un evento di MOB, non sapevo ancora quale linea sottile univa la sua ricerca visiva al mio immaginario artistico. La materia è frammentaria alla percezione visiva, ma sia
lo spazio che essa vive – sia essa stessa – è qualcosa di plasmatico, magma organizzato secondo leggi rigorose. La materia vive di azione e reazione, in un continuo scambio di energia, spazio topologico che genera e include spazio topologico, paradosso della frontiera frattalica. La vibrazione è il moto che rende presente la materia, l’oscillazione vitale – dall’elettrone alle galassie ed oltre – propria di qualunque stato della materia. Microcosmo e macrocosmo, divisi dalla teoria e analogici nella sostanza, trovano il proprio minimo comune multiplo nell’oscillazione elementare. Il suono – propagazione ai sensi della oscillazione – ne è la forma primaria di presenza. Il mio nexus sonoro sonderà la materia oggetto protagonista delle immagini di Alessandro Scotti, ne distillerà l’aspetto che congiunge l’immanente al trascendente. Il silenzio, così come la stasis, non esiste. Il suono è urgente e necessario alla vita di ogni materia, anche la più inerte.
All’interno della serata ci sarà anche l’esposizione fotografica di Alessandro Scotti con le immagini relative alla performance musicale.

La serata è promossa dalla Commissione Cultura Creativa Quartiere San Vitale, a cura della consigliera Francesca Rossi.

 Molecole Bolognesi

About the Author: Alessandro

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *